La Scienza nel pallone

La Scienza nel pallone


La Scienza nel pallone

La Scienza nel pallone

La scienza nel pallone. I segreti del calcio svelati con la fisica
Nicola Ludwig
Gianbruno Guerrerio
Zanichelli, 2011
pp. 176, € 10,50

Gli italiani, un popolo di santi, di poeti, di navigatori e… appassionati di calcio.
Chi non ricorda i tempi pionieristici delle passeggiate domenicali con la radiolina incollata all’orecchio per non perdere nemmeno un secondo delle gesta eroiche dei nostri calciatori preferiti?
Eravamo tutti attenti a cogliere ogni piccola variazione determinata dalle azioni dei ventidue giocatori in campo, che cercano di spingere una palla quasi sferica in cuoio dentro la rete dell’avversario.
Ma quanti si sono soffermati a studiare cosa si nasconde dietro a queste azioni? Se ancora ci fosse bisogno di ricordarlo, tutto è regolato dalle leggi della fisica; il calcio non fa eccezione.
Perché la palla non è veramente sferica?
La risposta non è certo dettata dalla difficoltà di realizzare uno strumento perfettamente liscio: le tecnologie attuali lo permetterebbero, ma verrebbe realizzata una cosa inutile a causa della mancanza di alcune caratteristiche che solo una superficie disomogenea potrebbe dare.
Questo ed altri esempi di fisica ricreativa si possono trovare nel libro che abbiamo tra le mani, La scienza nel pallone. Come in altri libri simili che abbiamo recensito su queste pagine, anche in questo caso si parla di fisica: della scienza dura per eccellenza, che definisce le leggi che regolano l’universo.
Il libro è divertente da leggere, vi si trovano anche aneddoti particolari che rasentano l’inverosimile, ma risulta comunque completo e rigoroso nella trattazione. Nulla viene lasciato al caso e tutti gli aspetti vengono spiegati in maniera semplice, ma efficace e approfondita.
Gli sportivi troveranno una risposta sul metodo migliore di calciare in determinate condizioni, analizzando energia cinetica, energia potenziale, attriti e balistica.
Il sistema muscolo-scheletrico viene preso come modello per definire le leve; il campo di gioco, in definitiva, diventa un laboratorio di fisica presentato alla mente vorace di sportivi appassionati di scienze, che lo sfruttano per ogni sorta di esperimento.
È un libro adatto a tutti ed un ottimo regalo per un appassionato di calcio che non si limiti a seguire il vorticare della palla da porta a porta. La scienza nel pallone è un ennesimo esempio di come la scienza possa essere spiegata in maniera semplice e divertente e di come possa appassionare anche chi nel quotidiano non se ne occupa professionalmente.

Luca Menichelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × quattro =