Escozul ; un anno dopo.

Dossier Vidatox

Mercoledì 12 ottobre 2011 la trasmissione “Le Iene” è ritornata sull’Escozul con un nuovo servizio: http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/251978/golia-escozul-un-anno-dopo.html, circa un anno dopo dai due servizi precedenti  che hanno scatenato il caos in Italia, producendo i cosiddetti viaggi della speranza verso Cuba da parte di migliaia di italiani. Il giornalista Giulio Golia tenta di aggiustare il tiro ma risulta comunque superficiale. Si tratta di un servizio di sette minuti in cui si riassumono i due precedenti e mostra dove si è arrivati fino a oggi. Sembra una chiara sponsorizzazione del prodotto originale, l’Escozul, quello per cui si sono interessati Piero Fierro di AMON, Renzo Salimbeni  dell’IFAC/CNR e il Dr. Speranza dell’Ospedale “Grassi” di Ostia. Infatti, compaiono gli stessi protagonisti, viene nuovamente intervistata la madre di Piero Fierro, il quale, viene ripreso sullo sfondo per qualche secondo.


Il Dr. Speranza dichiara ancora di aver avuto dei risultati ma non li mostra, mette sotto accusa il Vidatox omeopatico distribuito da Pharma-Matrix e Golia, fa velati riferimenti alla truffa facendo insinuazioni sugli affari poco leciti di Pharma-Matrix. Praticamente Matteucci verrebbe usato come capro espiatorio e Fierro, dopo essere stato scaricato dall’IFAC/CNR  fa confezionare un servizio inutile con la complicità di Golia. Lo scorso anno fece la stessa cosa per lanciare l’Escozul, una campagna informativa sulla stampa con interviste al Corriere, La Repubblica e il Messaggero fino ad arrivare ai servizi delle Iene. Quindi, con l’intento di dare il colpo di grazia a Matteucci che gli ha rubato la piazza, ora cerca di riabilitare la sua immagine e del Dr. Speranza. Se Golia fosse un giornalista veramente pentito di quello che ha scatenato l’avrebbe messo insieme a Matteucci sulla gogna mediatica. Nel servizio giornalistico si nota una totale assenza investigativa, non vengono mostrati dati, documenti e nemmeno vengono chiamati in causa i produttori (Labiofam), dimenticando che i primi responsabili  della situazione sono proprio loro. I cubani, da una parte fanno accordi con Fierro e dall’altra con Matteucci, Golia poteva indagare meglio, invece, ha confezionato un servizio degno di un giornalista dilettante. Il grosso danno, come al solito, lo subiscono i malati, sempre più confusi sulla situazione.
Per quanto riguarda la parte scientifica, quella che a noi interessa e a cui facciamo riferimento, è stato pubblicato uno studio in PubMed qualche mese fa da parte di un Istituto messicano: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed?term=Rhopalurus+junceus
Lo studio individua alcune componenti del veleno dello scorpione azzurro, una preliminare caratterizzazione biochimica del veleno. Lo studio rivela che il veleno risulta non tossico sui roditori ed è stato pubblicato su una rivista internazionale di tossicologia, (Toxicon An Interdisciplinary Journal on the Toxins Derived from Animals, Plants and Microorganisms) si fa riferimento a qualche effetto in vitro su cellule tumorali, anche se, molto spesso dei buoni risultati in vitro non hanno prodotto altrettanti buoni risultati in vivo ( Scarica il documento scientifico – Formato PDF  lingua Inglese ). Dopo tutti questi anni sono ancora a questo livello ma, quello che mi chiedo è: da molto tempo si vende questo rimedio senza sapere se è tossico per le persone?
Alla prossima…

Rosa Contino

Grazie ad A. per la collaborazione.

6 comments

  • Caro Golia,in questo servizio mi hai deluso. Non hai usato la capillarita’ che e’ di solito presente nei tuoi servizi.Ma il programma non e’ finito.Riflettici.

  • Purtroppo oggi ho letto questa notizia:Muore Luca,4 anni, accusato il padre Omeopata. Il bambino gia’ malato da tempo, ma sempre curato con con rimedi Omeopatici.

  • Luk Blacks, nel servizio di Golia un medico di cui non ricordo il nome dice che il derivato omeopatico non ha effetto. Invece l’escozul è consigliato.

  • L’opinione di quel medico lascia il tempo che trova è la comunità scientifica che si è espressa e ha determinato quella che è la verità: non funziona. Inutii le chiacchiere, le testimonianze, le opinioni anche illustri. Se non ci sono dati verificabili è alla stregua dell’acqua benedetta, del miracolo di Padre Pio e
    dell’urina di capra di Bonifacio. La scienza è una cosa, la fede è un’altra. Portateci prove e noi crediamo.

    [quote name=”alessandro”]Luk Blacks, nel servizio di Golia un medico di cui non ricordo il nome dice che il derivato omeopatico non ha effetto. Invece l’escozul è consigliato.[/quote]

  • Buon viaggio e salutaci le cubane, ma mi dispiace deluderti, questo credo non sia il sito adatto a questo tipo di messaggi. Lo trovo irrispettoso usarlo in questa maniera. Ma hai letto l’articolo? 🙂

    [quote name=”filippo”]parto per reperire il farmaco che va benissimo chi fosse interessato mi puo contattare al xxxxxxxx[/quote]

Rispondi a filippo Annulla risposta

diciotto − due =