Escozul-Vidatox – Nuovi sviluppi

Dossier Vidatox

In merito al mio articolo, “Escozul-Vidatox. Molto rumore per nulla?”, ho scritto del coinvolgimento di un noto Istituto italiano e in seguito, ho voluto approfondire per avere maggiori notizie. Si tratta dell’ Istituto Scientifico Nazionale di fama mondiale, il CNR, (Consiglio Nazionale delle Ricerche) citato nel proprio sito come:
Ente pubblico nazionale con il compito di svolgere, promuovere, diffondere, trasferire e valorizzare attività di ricerca nei principali settori di sviluppo delle conoscenze e delle loro applicazioni per lo sviluppo scientifico, tecnologico, economico e sociale del Paese. La rete di ricerca del CNR ha subito, nel corso degli ultimi anni, un processo di riorganizzazione attraverso accorpamenti e dismissioni. Nel 1999 operavano 314 organi di ricerca tra Istituti e Centri. Il processo di riorganizzazione e la successiva entrata in vigore del decreto legislativo di riordino del CNR nel giugno 2003, hanno dato luogo alla creazione di 109 istituti, suddivisi in sedi principali e articolazioni territoriali.
La ripartizione geografica delle sedi degli istituti risulta essere così distribuita:


31 istituti al nord
45 istituti al centro
31 istituti al sud
La più grande struttura pubblica con compiti scientifici nel nostro paese.
Uno di questi Istituti, l’IFAC, (L’Istituto di Fisica Applicata “Nello Carrara”, la sede dell’istituto è situata all’interno dell’Area di Ricerca CNR di Firenze, presso il Polo Scientifico di Sesto Fiorentino) a nome del suo Direttore Sig.re Renzo Salimbeni, ha stipulato una convenzione con il Sig.re Piero Fierro, Presidente dell’Associazione A.M.O.N (Associazione Medicina Omeopatica e Naturale). Nel documento è riportato l’accordo per cui A.M.O.N sottoscrive un protocollo d’intesa con Labiofam, (l’azienda farmaceutica statale cubana) che ha sede a Cuba, per lo studio in Italia delle proprietà terapeutiche dei suoi prodotti naturali e prevede che nello sviluppo del progetto si avvalga della collaborazione dell’IFAC e che AMON metterà a disposizione degli studi i prodotti di origine naturale tramite Labiofam.
Mentre leggevo questo documento in bella vista nel sito (www.vidatox.it) del Sig.re Fierro pensai subito che fosse una cosa strana. Questa persona era presente assiduamente in rete, mi proposi di informare l’Istituto e il suo Direttore via e-mail. Dopo un paio di e-mail senza risposta, lo contattai personalmente al telefono.  Restai non poco stupita dal suo atteggiamento al telefono, la sua reazione fu molto fredda e mi disse che non rispondeva di nessuna pubblicazione di documenti in rete e, nel caso ci fosse stato qualcosa, sarebbe risultato in atti ufficiali dell’Istituto. Il documento è autentico e all’interno dell’Istituto ha creato non poco scompiglio con una concitata riunione del Consiglio Scientifico.
Ma le domande sorgono spontanee, L’IFAC, cita: le principali linee di ricerca ruotano intorno ad un centro comune di metodi fisici per l’indagine scientifica che si basano essenzialmente sui settori generali dell’optoelettronica, della spettroscopia e dell’ICT. Le linee principali di ricerca riguardano Laser, Microottiche, Sensori, Telerilevamento, Microonde e ICT. Cosa c’entra lo studio di un rimedio naturale cubano che non ha al suo attivo nemmeno una pubblicazione di dati clinici, sperimentazioni e studi documentati? Se questo rimedio cubano è consegnato gratuitamente e personalmente solo a persone che si recano a Cuba come mai questo Sig.re Fierro metterà a disposizione dell’Istituto i prodotti naturali citati? Ha forse bisogno di copertura scientifica per giustificare presso la Labiofam l’accesso al farmaco? Dalle cronache si evince un gran traffico di boccette! Il buon nome dell’Istituto, la sua rinomata eccellenza, l’importanza della ricerca scientifica che svolge possono essere messe a repentaglio da tutto questo? Se il dubbio tocca qualche persona, vorremmo che si faccia chiarezza su un importante organo dello Stato, il più grande Ente pubblico, finanziato con fondi pubblici.

Rosa Contino

Terza parte: Escozul/Vidatox: Conclusioni

27 comments

  • O lei non sa leggere oppure non sa ciò che scrive. Dire che a me non piace cercare in rete ha perfino dell’offensivo. Ma passo oltre, credo sia solo un modo per screditare una persona. Le incollo ciò a cui ho risposto in un altro suo commento perchè, appunto, la lettura le fa difetto. Tengo a precisare che so benissimo cos’è PubMed, dove ho appunto fatto ricerche e ribadisco che so di molti studi sui veleni (Cina, India, Sud America..) e sulle loro possibili potenzialità. Quindi ripeto quel che ho scritto, non esiste uno che sia uno, studio clinico sull’escozul, il quale, viene assunto anche da persone che abbandonano le cure convenzionali e MUOIONO e commercializzato in modo fraudolento come ANTICANCRO. Spero sia l’ultima volta che mi debba ripetere. Grazie.

    Nei miei articoli cito ciò che riporti qui, anche PubMed che ho consultato e al riguardo scrivo così:

    Il fatto è che non esiste nessuna pubblicazione scientifica, facendo una ricerca in PubMed (PubMed è un database bibliografico contenente informazioni sulla letteratura scientifica) risultano decine di articoli sull’esame di veleno dello scorpione nella ricerca sul cancro di base, ma nessuno degli articoli attualmente in PubMed è uno studio clinico e nessuno fa specifico riferimento al prodotto Escozul cubano.

    e anche riguardo alle tossine di veleni:

    non è escluso che qualcosa funzioni. Le tossine sono ottimi candidati a farmaci.

    ma poi ci si chiede (come ho scritto):

    Ma cosa c’entra un Istituto CNR che si occupa di tutt’altro, e un’associazione privata di omeopatia?

    ecco il punto della questione a cui faccio riferimento.

    PS: per tweeter è stata una mia svista, pardon.

    [quote name=”Sauro”]@Rosa, non le piace cercare in rete così le do io dei link a riprova di ciò che ho scritto:

    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21061047

    Scorpion (Odontobuthus doriae) venom induces apoptosis and inhibits DNA synthesis in human neuroblastoma cells.

    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20888852

    Apoptogenic peptides from Tityus discrepans scorpion venom acting against the SKBR3 breast cancer cell line.

    e ancora

    http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20455317

    Anticancer potential of animal venoms and toxins.

    Non traduco dall’inglese perchè spero non ce ne sia bisogno. Pubmed.gov, che non è twitter, è un database che raccoglie circa 20 milioni di articoli scientifici pubblicati sulle più prestigiose riviste specializzate.

    PubMed comprises more than 20 million citations for biomedical literature from MEDLINE, life science journals, and online books. Citations may include links to full-text content from PubMed Central and publisher web sites.

    Se non lo conosceva spero che d’ora in poi le sia di aiuto. Tutto questo per dimostrare che le tossine di origine animale sono attivamente indagate dalla comunità scientifica internazionale per le loro proprietà farmacologiche contro il cancro ed altre patologie. Sono ricerche poco appetibili all’industria perchè il prodotto naturale non può essere brevettato e arrivare alla sintesi (brevettabile) è una strada lunga, difficile e costosa. Pensi che per individuare e sintetizzare appena 5 dei 13 peptidi contenuti nel veleno di r. junceus, ai cubani sono occorsi 20 anni e più, per questo la grande industria preferisce puntare su ricerche più semplici che comincino a far rientrare gli investimenti in tempi ragionevoli.

    Spero di aver chiarito il mio pensiero anche se non ho compreso bene il riferimento a twitter e alla confusione. Se mi spiega le sarei grato.[/quote]

  • [quote name=”myrose”]Altri dati e sempre più confusione, ma questi documenti sono pubblicati in tweeter? E da chi? Sono passaparola? Chiedo perchè non mi è molto chiaro 🙂
    [/quote]

    Scusi Rosa, non volevo offendere ma il suo post è quantomeno ambiguo se non insultante, avevo anch’io qualche motivo per prendermela non le pare? Provi a rileggere quello che ha scritto di confusione, passaparola e tweeter e se non è una presa di giro quella mi spieghi lei cos’è. La sua levata di scudi è tipica non degli scettici tra i quali mi ci metto anch’io ma dei debunkers come il suo buon amico ginecologo medbunker/wewee al secolo Salvo D.G. austero castigaboiron e membro del CICAP, autonominatosi oncologo, virologo, cardiologo, ematologo e tutta una lunga serie di ologo da riempire un’aula magna.

    La manovra in corso è evidente, finiscono nello stesso bugliolo del ridicolo terapie non convenzionali e cerchi nel grano, omeopatia e UFO, scie chimiche e ricerche alternative: questa è confusione e non sono io a provocarla. Se ci fosse in giro una briciola di onestà intellettuale sarebbe chiaro che qualsiasi studio cubano a causa delle note vicende di politica internazionale non viene neanche preso in considerazione. I cubani gli studi sullo scorpione ce li hanno tutti in tutte le fasi visto che Escozul esiste da 26 anni. Vuole un altro esempio? Lo conosce il Cimavax? Non è un prodotto naturale ma un anticorpo monoclonale sviluppato a Cuba, efficace nel trattamento del NSCLC e in generale dei tumori testa/collo. Ne ha mai trovata traccia nelle sue letture o nella letteratura scientifica? Scommetto di no, è cubano. Pubmed trova un solo documento pubblicato da una rivista di secondo piano e solo grazie ai canadesi che hanno acquisito quote del brevetto per l’80% esponendosi alle ire USAmericane. Il farmaco è un inibitore del EGFr ed è un’evoluzione del Nimotuzumab, altro MAB, anche questo sviluppato nei laboratori cubani del CIM.

    In fin dei conti sono d’accordo con Pasquale, a me degli studi non me ne può fregar di meno se il prodotto funziona e le garantisco che Escozul/Vidatox (non il TRJC30 omeo) funziona, il campione rilevato ammonta a oltre 60 mila pazienti ammalati delle più disparate forme tumorali e sessantamila è un campione significativo abbastanza per basarci sopra una valida statistica.

    Le spiego anche perchè me ne frego degli studi, il 90% sono falsati perchè quasi nessuno cita la composizione del placebo. Faccio un esempio, studiano un nuovo farmaco per diabetici e come placebo usano una bella pallina di saccarosio senza dichiararla (non c’è l’obbligo), è inerte il saccarosio? No, nemmeno l’acqua lo è. Ecco che il farmaco cerca di abbattere la glicemia e fa per forza meglio del placebo che la fa salire essendo zucchero 🙂 Gli studi clinici a doppio cieco sono pieni di trucchetti simili.

    Per lo scorpione aspettiamo gli sviluppi, quando il Vidatox sarà testato vedremo i risultati, nel frattempo chi ne ha la necessità e la possibilità fa bene ad usarlo. Liberissimi di essere scettici ma per favore lasciate fuori i malati dalle vostre considerazioni inopportune.

  • Per quanto riguarda quello che lei dice essere una mia presa in giro ho subito ammesso il mio errore e chiesto scusa, quindi il fatto non sussiste.

    Sarei onorata se Salvo Di Grazia fosse un mio buon amico, una persona competente e degna di stima e da ringraziare per tutta l’informazione scientifica che ci fornisce. Riguardo alla Boiron non mi pronuncio più, è una cosa vergognosa!
    Per quanto riguarda il Cicap non credo si possa parlare di confusione, il Comitato si occupa di indagare il paranormale e quindi vi rientrano tutti quegli argomenti da lei citati, comprese le medicine alternative che si basano su strane energie cosmiche, angeli, vibrazioni particolari, spiriti di luce e chi più ne ha più ne metta.

    Il cimavax si, ne ho letto ed è citato lo studio in PubMed, la sperimentazione e gli studi randomizzati.

    Se qualcuno leggesse meglio noterebbe che i malati sono la sola categoria che io difendo. In questo sito non trova nessun commercio di boccette e ricerca di contatti per approfittare di qualcuno come succede ogni giorno in certi gruppi in Facebook. Sarei felicissima se il vidatox curasse per incanto tutti i tumori, ma le mie critiche vertono più che altro sui retroscena e non tanto sul “farmaco” che potrebbe anche funzionare.

    Quindi le chiedo:

    1 Perché l’IFAC che si occupa di fisica è coinvolto come Istituto di ricerca e fa di tutto per nasconderlo? (è in Italia e non esiste l’embargo qui)

    2 Perché non c’è una sola notizia pubblica sugli incontri con i cubani e ricercatori CNR?

    3 Perché una cosa così importante viene citata solo in un socialnetwork?

    4 Perché Salimbeni nega e si nasconde? E perché ha tenuto all’oscuro tutti nel suo Istituto?

    5 perché l’Istituto non informa pubblicamente o tramite la propria rivista di questi lavori?

    Ecco, sono queste le questioni che mi lasciano perplessa, in secondo piano sul Vidatox lascio fare il proprio lavoro a chi è competente: ricercatori e farmacologi sperando in un loro successo.

    [quote name=””][quote name=”myrose”]Altri dati e sempre più confusione, ma questi documenti sono pubblicati in tweeter? E da chi? Sono passaparola? Chiedo perchè non mi è molto chiaro 🙂
    [/quote]

    Scusi Rosa, non volevo offendere ma il suo post è quantomeno ambiguo se non insultante, avevo anch’io qualche motivo per prendermela non le pare? Provi a rileggere quello che ha scritto di confusione, passaparola e tweeter e se non è una presa di giro quella mi spieghi lei cos’è. La sua levata di scudi è tipica non degli scettici tra i quali mi ci metto anch’io ma dei debunkers come il suo buon amico ginecologo medbunker/wewee al secolo Salvo D.G. austero castigaboiron e membro del CICAP, autonominatosi oncologo, virologo, cardiologo, ematologo e tutta una lunga serie di ologo da riempire un’aula magna.

    La manovra in corso è evidente, finiscono nello stesso bugliolo del ridicolo terapie non convenzionali e cerchi nel grano, omeopatia e UFO, scie chimiche e ricerche alternative: questa è confusione e non sono io a provocarla. Se ci fosse in giro una briciola di onestà intellettuale sarebbe chiaro che qualsiasi studio cubano a causa delle note vicende di politica internazionale non viene neanche preso in considerazione. I cubani gli studi sullo scorpione ce li hanno tutti in tutte le fasi visto che Escozul esiste da 26 anni. Vuole un altro esempio? Lo conosce il Cimavax? Non è un prodotto naturale ma un anticorpo monoclonale sviluppato a Cuba, efficace nel trattamento del NSCLC e in generale dei tumori testa/collo. Ne ha mai trovata traccia nelle sue letture o nella letteratura scientifica? Scommetto di no, è cubano. Pubmed trova un solo documento pubblicato da una rivista di secondo piano e solo grazie ai canadesi che hanno acquisito quote del brevetto per l’80% esponendosi alle ire USAmericane. Il farmaco è un inibitore del EGFr ed è un’evoluzione del Nimotuzumab, altro MAB, anche questo sviluppato nei laboratori cubani del CIM.

    In fin dei conti sono d’accordo con Pasquale, a me degli studi non me ne può fregar di meno se il prodotto funziona e le garantisco che Escozul/Vidatox (non il TRJC30 omeo) funziona, il campione rilevato ammonta a oltre 60 mila pazienti ammalati delle più disparate forme tumorali e sessantamila è un campione significativo abbastanza per basarci sopra una valida statistica.

    Le spiego anche perchè me ne frego degli studi, il 90% sono falsati perchè quasi nessuno cita la composizione del placebo. Faccio un esempio, studiano un nuovo farmaco per diabetici e come placebo usano una bella pallina di saccarosio senza dichiararla (non c’è l’obbligo), è inerte il saccarosio? No, nemmeno l’acqua lo è. Ecco che il farmaco cerca di abbattere la glicemia e fa per forza meglio del placebo che la fa salire essendo zucchero 🙂 Gli studi clinici a doppio cieco sono pieni di trucchetti simili.

    Per lo scorpione aspettiamo gli sviluppi, quando il Vidatox sarà testato vedremo i risultati, nel frattempo chi ne ha la necessità e la possibilità fa bene ad usarlo. Liberissimi di essere scettici ma per favore lasciate fuori i malati dalle vostre considerazioni inopportune.[/quote]

  • ma non è forse il taxotere derivato dalla tassina, corteccia dell’albero tasso?
    è un potente chemioterapico
    lo fa mio padre
    e perchè il veleno non potrebbe avere effetti anticancro
    dal veleno della vipera non si trae l’antiveleno?
    credo bisogni riflettere

  • Ciao Annalisa e benvenuta.
    Ci sonod elle belle differenze tra il taxotere e il vidatox. Il taxotere è nato come dici tu, ma ha seguito una trafila di sperimentazione seria prima di esseer utilizzato come farmaco, sperimentazione che manca nel caso del veleno di scorpione. La natura ci ha fornito migliaia di spunti su cui lavorare, poi la chimica di laboratorio ha dovuto affinare la pratica producendo quello che la natura non ha saputo fare. Con il veleno di scorpione siamo in pratica alla fase di ” qualcuno dice che funziona” e sinceramente non è così che si fanno le cose. Se poi chi sostiene la validità saprà dare degli eleemnti validi tanto di cappello, ma allo stato attuale io sisnceramente non intraprenderei mai un viaggio fino a cuba per un qualcosa che non si sa cosa sia , come agisca e se funzioni.
    Capisci quale è la differenza?

    [quote name=”annalisa”]ma non è forse il taxotere derivato dalla tassina, corteccia dell’albero tasso?
    è un potente chemioterapico
    lo fa mio padre
    e perchè il veleno non potrebbe avere effetti anticancro
    dal veleno della vipera non si trae l’antiveleno?
    credo bisogni riflettere[/quote]

  • Salve ! Vorrei delle semplici informazioni , mi hanno portato da Cuba il veleni dello scorpione pero sulla boccetta non ce scritto ne Eskozul e neanche Vitadox , ma ce scritto TRJ-C30 pero ho letto su alcuni articoli che non funziona ed anche stato tolto dal commercio! Aspetto con ansia una sua risposta grazie

  • Salve Fabio, spero abbia letto i noostri articoli e percepito la nostra posizione che è molto critica nei confronti del prodotto che non ha una validità scientifica , ma solo aneddotic. Alcune persone sostengono di essere guarite, altre non possono testiminiare perché purtroppo sono decedute vinte dal cancro. Io personalmente capisco la sua posizione , ma presterei molt attenzione all’uso di un prodotto che da più parti è stato considerato inutile. npn creda al complotto delle ditte farmaceutiche che bloccherebbero il prodotto, cosa sbmdietata in tutto il mondo dai sostenitori. Se avesse una validità se ne approprierebbero.
    Io le direi di affidarsi alla medicina nota, se non funziona è perché non c’è niente da fare ( la medicina è ancora incapace di sconfiggere il cancro purtroppo , ma per ora è l’unica strada ). Giusto per fare gossip Chavez si sta facendo curare da un cancro a Cuba, tramite chemioterapia classica, forse dovrebbe far riflettere.

    [quote name=”Fabio”]Salve ! Vorrei delle semplici informazioni , mi hanno portato da Cuba il veleni dello scorpione pero sulla boccetta non ce scritto ne Eskozul e neanche Vitadox , ma ce scritto TRJ-C30 pero ho letto su alcuni articoli che non funziona ed anche stato tolto dal commercio! Aspetto con ansia una sua risposta grazie[/quote]

Rispondi a annalisa Annulla risposta

diciotto − 16 =